Osservando Maestra Tecla sono cresciuta come Paolina

Ho conosciuto Maestra Tecla durante gli anni del noviziato e dello juniorato in Via Antonino Pio a Roma, dal 1958 al 1964. Il primo ricordo sono le conferenze che ci teneva tutte le domeniche mattina, dopo la Messa delle dieci, nel grande salone con la presenza di tutta la grande comunità romana. Il tema delle sue conferenze era sovente la liturgia del giorno, in particolare le Lettere di san Paolo. Mi piaceva la spontaneità del suo linguaggio, molto comunicativo e di facile applicazione. Noi formande abitavamo nella Casa Divina Provvidenza situata di fronte alla Casa generalizia di allora, chiamata Divin Maestro, dove risiedeva Maestra Tecla con il suo Consiglio. …